Take a look, Poetry is all around you

La poesia per me è Arte con la A maiuscola e la si può trovare ovunque batta il cuore. La incontro quasi sempre nelle parole, nei colori e nella natura. Lavorando per finire il mio primo libro proprio dedicato alla poesia (manca poco! vedi post precedente), vorrei condividere qualche foto del mio viaggio a Londra e alcuni quadri di mio padre, a parer mio davvero ricchi di significato. Queste immagini evocano nella mia mente poesie meravigliose… Non c’è bisogno di parlare o scrivere, basta dare un’occhiata e lasciarsi trasportare.

Sto cambiando la mia vita, l’ambiente che mi circonda diventa più importante ogni giorno che passa…

ANDREA’S GALLERY

 LONDON’S NATURE

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Riscoprendo passioni

Scrivere è la forma espressiva che più nutre il mio spirito. Forse a pari merito con la musica. Negli ultimi due mesi ho iniziato a collaborare con il giornale digitale Il Quorum e ho unito alla scrittura un’altra grande passione, quella per l’arte. Sto cercando di creare uno spazio tutto mio, di andare avanti a scrivere non smettendo mai di essere curiosa, credendo sempre nel potere della costanza.
Da novembre dell’anno scorso ho fatto il mio primo trasloco e ho cambiato due lavori. Se ripenso a quante prove difficili ho affrontato in così poco tempo mi sento la testa esplodere. Finalmente penso di aver trovato una sorta di equilibrio, credo proprio di essere felice… poterlo dire mi fa stare ancora meglio.

In questi primi giorni di sole ho deciso di non aspettare più. Desidero realizzare un mio libro di poesie e lo farò, auto-pubblicandomi. Vi risparmio le mille considerazioni su case editrici e quant’altro. Non c’è più nessuno in Italia dissnoopy-scrittoreposto a credere nei giovani poeti e a rischiare, a meno che non sia a pagamento… che discorsi. Le mie opere sono pronte, manca solo il tempo pratico per unire le cose facendo tutto per bene. Prevedo un’estate di assestamento e un autunno di ricco di novità, non è un segreto che da tempo premo per buttarmi nella prosa. Purtroppo la paura di non riuscire a concludere un romanzo mi frena molto, ma penso che sia perché non ho ancora le idee chiare su ciò che vorrei scrivere. Prima del trasloco ho scritto venti pagine e sono lì… ferme immobili. Mannaggia.

Ho capito che la vita può cambiare nel giro di pochi secondi. Un giorno puoi volere una cosa e il giorno dopo ne hai già scoperte altre dieci di migliori. In questo momento devo dire la verità: sono fortunata, e non poco. Sono riuscita a trovare un lavoro grazie al quale mi sento a casa anche quando non sono a casa. Ho riscoperto passioni che credevo di aver lasciato all’infanzia ed è come se la vita avesse voluto darmi un’altra occasione, una strada diversa per farmi capire che tutto è possibile e che non è mai troppo tardi.
Finita l’università pensavo che se non avessi trovato lavoro nel mio ambito di studi non sarei stata felice e l’ho creduto fino a pochi mesi fa. Adesso tutte quelle stupide convinzioni le ho gettate dalla finestra perché non si può mai sapere cosa ti riserva il presente. Sto provando sulla mia pelle emozioni nuove che mi danno un’incredibile sensazione di libertà.

Vi lascio con la serenità nel cuore e vi invito a leggere i miei articoli su Il Quorum a questo link.

Colgo l’occasione per ringraziare gli amici che nel corso della vita sono sempre l’appoggio migliore che una persona possa avere.

Giulia

“Tuttuno” la mostra di Andrea Giarola

È un periodo di grande fermento artistico e non posso che avere gli occhi colmi di speranza. Il 2014 è partito all’insegna di eventi che stanno segnando un grande cambiamento nelle persone che amo e che arricchiscono la mia vita. Prima la mostra fotografica collettiva alla quale ha partecipato Mirko (Ser Vlad Photo), poi la mia pubblicazione in una Collana di poesie (della quale vi parlerò meglio e con più calma in un’altra occasione) e per finire il motivo per il quale sono qui oggi a scrivere sul mio amato blog: la mostra personale di Andrea Giarola, alias il mio papà.

Da più di un anno mio padre ha trasformato la sua vita e per questo motivo sono molto fiera di lui. L’ha fatto buttandosi finalmente in tutto quello che ha sempre tenuto nascosto per anni e anni. Ha espresso la sua arte attraverso i colori e sta continuando a farlo migliorandosi ogni giorno di più. Sto parlando di un uomo che ha ritrovato la sua natura, il coraggio di cambiare nonostante la crisi economica che affligge il nostro Paese ma soprattutto le menti di chi ha paura.

Un tipo di pittura la sua che sprigiona emozioni grazie alla forza prorompente del colore. Osservando le sue opere non possono che saltar fuori da quelle tele sensazioni di libertà, leggerezza, profondità e unione. Anche qui un percorso che mira alla ricerca della felicità, una strada che rappresenta la realizzazione di una persona che sa di aver fatto la scelta giusta quando ha messo l’arte che aveva nel cuore al primo posto. Non è un caso se ho voluto affiancare alcuni suoi quadri alle mie poesie.

“Tuttuno” è il titolo dell’esposizione, ma non vi svelerò altri dettagli perché vi invito a venire a vederla personalmente! L’inaugurazione sarà venerdì 18 aprile alle 17.30 e il vernissage proseguirà per tutto il weekend: sabato 19 e domenica 20 aprile dalle 17.00 alle 20.00. Dove? Alla Galleria Testoni, in piazza Pozza 11 a Verona. Commento e approfondimento tematico di Elisabetta Giarola, ingresso libero.

Vi aspetto numerosi!

Giulia

Questo slideshow richiede JavaScript.