Movimento è Vita

«Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma.»
(Antoine-Laurent Lavoisier)

Di chimica ne so ben poco, avevo la media del 3 alle superiori. Direi che è stata la materia peggiore che abbia mai provato a studiare, forse perché io non piacevo alla mia prof e lei di sicuro non piaceva a me.

La legge del grande chimico Lavoisier sopra citata, mi dà comunque lo spunto giusto per esprimere qualche parola sul concetto che in questo periodo mi sta a cuore: la trasformazione degli esseri umani, la loro capacità di adattarsi alle situazioni e saper cambiare quando il momento lo richiede. In particolar modo mi interessa approfondire l’aspetto emozionale della faccenda: la paura e il coraggio che si scatenano di fronte al cambiamento.

La crisi economica degli ultimi anni ha inciso molto sulla trasformazione delle persone.
C’è chi ha colto solo il negativo della situazione, paralizzandosi. La paura ci blocca, ci avvolge in un bozzo tanto stretto da impedire la rinascita in farfalle. C’è chi invece ne ha approfittato per fare esattamente il contrario: darsi una mossa. Queste persone hanno scavalcato la paura e aperto le ali, perché hanno capito che muoversi in un’altra direzione è l’unico modo per vivere davvero. In questi soggetti la crisi è stata lo stimolo perfetto per realizzare un cambiamento positivo, mettendo in pratica una frase che è, a mio avviso, di una potenza incredibile: MOVIMENTO È VITA.

La mia stima verso le persone che riescono sempre e comunque a migliorarsi è fuori da ogni misura. Cos’è la vita se non un continuo mutamento? Cos’è questo svegliarsi ogni giorno se non l’incessante desiderio di confrontarsi con il mondo? Mi verrebbe da dire: smettiamola di aspettare che la crisi abbia fine, economica o personale che sia, perché la vita è qui e ora. Non sto dicendo di non aver paura, che il coraggio dipenda da questo. Non sto nemmeno dicendo che sia facile. Al contrario, sto dicendo di provare ad affrontare i problemi della vita nonostante la presenza della paura. Andare avanti lo stesso, crederci, e lasciare che la paura sia solo uno stimolo in più per non smettere mai di rendere unica la propria esistenza. Questo per me vuol dire essere coraggiosi.

Anche io, nel mio piccolo, cerco di prendere le decisioni giuste per me stessa. Non ho ancora trovato una strada sicura, semplice e asfaltata. Il mio percorso è piuttosto incerto, accidentato e pieno di insidie. Le sfide, le delusioni e i sacrifici poi sono all’ordine del giorno. Nonostante ciò cerco di trovare il lato positivo in ogni cosa e soprattutto di non scoraggiarmi. Mi piace osservare il sole che si nasconde dietro il bordo dorato delle nuvole e trovare la forza di sorridere ancora.

Adoro quando, nelle circostanze difficili, ci sono dei segnali che per pura coincidenza compaiono sul mio cammino. Ad esempio qualche mese fa stavo andando ad un colloquio. Parcheggiata l’auto poco distante, mi sono recata sul posto dell’appuntamento e prima di entrare mi sono accorta che nella casa difronte c’era una scritta sul muro: Carpe Diem. Inutile dire che l’ho preso come un segno tangibile di ciò che stava per succedere. Le occasioni le colgo al volo e se posso scegliere cosa rende migliore la mia vita cerco la via che mi porterà dalle montagne al mare. Perché la vista delle onde mi ripagherà di tutte le fatiche.

Giulia

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...