In sala d’aspetto

1382865_592448730797046_939475936_n

Cosa ci spinge a fare una scelta? Come facciamo a scegliere difronte ad un bivio? La paura ci paralizza, i rischi a volte sono troppo elevati e la pressione sociale ci impone di prendere la strada più conveniente o quella che tutti si aspettano. Negli ultimi anni mi sono ritrovata spesso nella situazione di dover fare delle scelte che hanno poi cambiato la mia vita e non è stato facile. Ogni volta mi sentivo dire “sei sicura?” e io puntualmente rispondevo di sì. Seguire il cuore non è facile, ma finora devo dire che non mi ha mai delusa.

Quando ho finito il liceo ho scelto di non studiare più, di guadagnarmi da vivere. Dopo due anni ho stravolto le mie idee e sono tornata sui libri all’Università. Ho scelto le mie ambizioni. Quasi un anno fa mi sono laureata e da allora è stato tutto molto complicato ed eccitante allo stesso tempo. Ho trovato un primo lavoro come stagista e l’ho accettato, poi una buona dose di fortuna mi ha portata a fare un’esperienza in un ente culturale importante, dandomi la possibilità di risparmiare qualcosa.

Nelle ultime settimane ho fatto un’altra scelta, quella di rischiare. Mi sono buttata verso un obiettivo, troppo bello per essere vero e devo ancora svegliarmi. La realtà mi prende a schiaffi tutti i giorni, ma io mi rialzo… sempre. Posso piangere, essere triste, pensare di non avere possibilità. Mi è già capitato e non mi sono mai arresa, di certo non voglio iniziare a farlo proprio adesso. Non ho ancora ricevuto una risposta sulla “scelta” che ho fatto, è lì sospesa per aria e io aspetto di sapere quale sarà il mio destino: se potrò fin da subito coronare un sogno con un nuovo lavoro che sembra fatto apposta per me oppure se dovrò rimboccarmi le maniche ancora una volta e semplicemente andare avanti.

La mia piccola dose di sano pessimismo scaramantico m’impone di pensare che in fondo è sul serio troppo bello per essere vero, che ci sono tanti concorrenti da “battere” ed è giusto che io guardi in faccia alla realtà. La fortuna è stata spesso dalla mia parte, è possibile che per ora decida di accontentare qualcun altro.

Oggi sono tornata a scrivere per dire al mondo e ricordare a me stessa che credo di aver fatto la scelta giusta, nonostante tutto, anche se dovesse andare nel peggiore dei modi. Comunque mi sono messa in gioco, ho fatto del mio meglio, ho combattuto, ho sperato e ho saltato il confine tra una precaria sicurezza e una nuova opportunità. Attendere la risposta dopo un colloquio di lavoro ti mangia dentro, soprattutto se a quel posto ci tieni, soprattutto se quel posto potrebbe cambiare esponenzialmente in meglio la tua vita.

Io in sala d’aspetto, nel frattempo, ho seguito il mio cuore e ho raccolto le mie poesie più belle in un libro che spero prima o poi di poter pubblicare. Il sogno di diventare una scrittrice professionista sarà sempre nel mio cassetto, e io lo aprirò tutte le volte che dovrò fare una scelta importante per non dimenticare una cosa e cioè che essere coraggiosi vuol dire avere paura, ma andare avanti lo stesso.

Giulia

Ps. sarò sincera, tornare a scrivere una riflessione come questa dopo tanto tempo mi ha fatto sentire davvero bene (e molto più leggera) e penso che lo farò un po’ più spesso; per la poesia ora come ora ho intenzione di fare una pausa e seminare per raccogliere versi nuovi quando sarà il momento giusto.

* l’immagine del post proviene da Facebook al seguente link

Annunci

5 Replies to “In sala d’aspetto”

  1. Eccomi qui ad abbracciarti con pazzesco ritardo, Giulietta cara. Ma quell’annuncio sul vecchio Punto d’inchiostro l’hai dato quando io ero all’inizio del mio lungo periodo di web-latitanza (pochi post e tutti programmati)… E poi a chiedermi che fine avessi fatto anche tu, finché stamattina non mi sono avventurato nelle profondità del mio gigantesco blogroll… :)
    Ciao, e a presto!

    p.s. mi piace che anche tu come me non risponda “crepi il lupo”… anch’io dicevo sempre “Grazie”, e ultimamente mi sono inventato un carinissimo e spiazzante “Viva il lupo!” :D

  2. Zietto! :D arrivi come un raggio di sole tra le nuvole e mi apri un sorriso immenso, non lo nego! Lo sento il tuo abbraccio, sai? Eh, anche io sono nel mio solito periodo di web latitanza… tante cose stanno succedendo e mi dedico sempre meno a internet e ai suoi crucci… :) si, si… mi sa che c’eri già stato qua!!! ;)
    Viva il lupo è semplicemente splendido…. mi sa che lo userò anche io! mi dà la carica… :D
    Grazie della visita…. sei sempre nei miei pensieri.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...